Recensioni Concerti

Profumi di psichedelia, atmosfere nebulose, digressioni chitarristiche acide: un concerto imprevedible, nonostante i molti echi del passato
Si beve, si suda, si balla in un delirio collettivo orchestrato da quel funambolo prestigiatore contorsionista burlone di Eugene Hütz
Mike Scott e compagni tornano per celebrare "Fisherman's Blues", ed è subito festa nel cortile della Spiddal House
Annoiati, probabilmente stanchi, Brian Molko e i suoi timbrano il cartellino suonando in modo impeccabile, ma senza entusiasmo
Il sacerdote con la voce demoniaca celebra un funerale blues in una chiesa sconsacrata
Ron Wood e la sua band, con Mick Taylor alla chitarra, rendono omaggio al bluesman Jimmy Reed. Fra gli ospiti, Paul Weller e Bobby Womack
La band texana reagisce alla defezione di Tim Smith puntando sul valore del collettivo
Ciak, si suona! Agli Arcimboldi va in scena una tre giorni mozzafiato dedicata al noir dylaniano
Il rock da età della pietra diventa un mantra sofferto e farraginoso: è il suono della maturità?
Peter Gabriel torna al rock, al repertorio e alla band di "So" rinunciando agli effetti speciali
Il chitarrista è come sempre bravissimo, gli ospiti pure. Ma la sua riproposizione del repertorio dei Genesis sembra un esercizio di stile
The Wall è il più grande concerto di sempre? E se invece non fosse un concerto, ma qualcos'altro?

Pagine