Tu sei qui

Rolling Stones

Londra, Hyde Park
6 luglio 2013
Un pezzo di storia dell'Inghilterra si materializza a Hyde Park, quarantaquattro anni dopo il concertone del '69
Di Jacopo Meille
12 Luglio 2013

65 mila persone in uno dei parchi più famosi del mondo posto al centro di una metropoli sempre attiva. A distanza di oltre quarant'anni dal celebre concerto a Hyde Park del 1969 e dopo solo una settimana dal trionfo a Glastonbury, i Rolling Stones celebrano in patria i loro cinquant'anni di attività. Partono con Start Me Up e sembrano subito a loro agio. Mick Jagger più di tutti sembra voler rendere memorabile la serata: si dimena, canta con una voce limpida e pare non avere perso la strafottenza dei bei tempi definendo l'allestimento – due alberi giganteschi come se il palco fosse inserito nella foresta – una vera pantomima. Keith è più statico ma non smette di sorridere mettendo in mostra una dentatura nuova di zecca. La sua intesa con Ronnie Wood è immutata: la loro versione di You Got The Silver è uno dei momenti più alti della serata che predilige il blues e il rock. Midnight Rambler con Mick Taylor, Bitch con Gary Clark Jr, Gimme Shelter e una rocciosa Jumpin' Jack Flash echeggiano nel parco mentre il pubblico balla e canta.

Intere famiglie, coetanei dei nostri eroi, ragazzini, businessman vestiti di tutto punto e hippie indefessi: il pubblico racconta la storia dell'Inghilterra dalla Swinging London a oggi e la musica degli Stones è la perfetta colonna sonora: da Satisfaction suonata come ultimo bis a Paint it Black passando per il ritmo sincopato di Miss You, non c'è spazio per la nostalgia. Gli anni sono passati e i nostri portano gli evidenti segni sul volto, ma l'attitudine e lo spirito sono intatti proprio come lo stile unico di Charlie Watts, vero eroe della serata. È lui il motore della più grande rock'n'roll band di tutti tempi ed è sempre lui il direttore d'orchestra dell'intera serata a cui si affida anche Mick per i finali. You Can't Always Get What You Want, recita una loro canzone: 65 mila persone, il 6 luglio del 2013 qualcosa hanno ricevuto, e questo grazie a Mick, Keith, Ronnie e Charlie.