Louisiana 1927 - Corsi e ricorsi storici nel brano di Randy Newman

Randy Newman e la storia del suo brano ispirato all'alluvione che ha colpito la Louisiana nel 1927
Martedì, 11 Maggio, 2021
 
Inverno del 1927
Dopo diversi settimane di pioggia, il fiume Mississippi esondava creando un allarmante stato di calamità: 70mila km quadrati di terra alluvionati, 130mila abitazioni distrutte, 700mila persone sfollate e almeno 200 vittime.
Lo stato della Louisiana risultò quello colpito più duramente da una tragedia ambientale apparentemente trascurata dal governo americano.
Dopo aver letto un libro biografico su Huey Long, politico progressista che diventò governatore della Louisiana nel 1928, ed aver approfondito quel cataclisma di 50 anni prima, nel 1974 il cantautore Randy Newman scrive sull’onda dell’emozione un brano emblematico, intitolato Louisiana 1927. Anche se nato in California, a Los Angeles, Newman è cresciuto a New Orleans (sua mamma era di lì) ed è sempre stato molto affezionato alla città della luna crescente e più in generale allo stato della Louisiana.
Nella canzone Randy Newman sferra una dura critica al governo americano, colpevole di non aver agito in sostegno del popolo del sud.
Nel ritornello in cui dice “Louisiana, hanno cercato di spazzarci via”, Newman si riferisce all’eterno e mai risolto conflitto tra nord e sud degli States che risale ai tempi della guerra civile.
Nel 2005, 31 anni dopo la pubblicazione del brano, quando l’uragano Katrina sfoga la sua violenza sulla città di New Orleans, Louisiana 1927 diventa una specie di inno di quella nuova tragedia.
 
 

 

Jam Balaya

What's Up - Un grande successo per le 4 Non Blondes
Nel ritornello si ripete la frase "What’s Going On?", ma, essendo anche il titolo di un famoso brano di Marvin Gaye, la canzone si intitolerà "What’s Up" e sarà il singolo dell’alb
Don't Know Why - La storia del primo singolo di Norah Jones
"Don't Know Why" è un brano scritto originariamente da Jesse Harris per la sua band, The Ferdinandos... il successo arriva però solo grazie all'interpretazione di Norah Jones
Jammin' - Quando Bob Marley provò a far dialogare due leader politici giamaicani con la sua musica
Due leader politici giamaicani si stringono la mano sul palco durante una famosa maratona reggae, spinti a farlo da Bob Marley mentre esegue "Jammin'"...
Do You Believe In Magic - Il sogno si avvera anche per i Lovin' Spoonful
È la primavera del 1965 quando nascono i Lovin' Spoonful, un gruppo che sognava di ricalcare le orme dei Fab Four...
Psycho Killer - David Byrne "si immedesima in un criminale psicopatico" con i suoi Talking Heads
Impressionato dal rock horror di Alice Cooper e dal personaggio di Norman Bates, protagonista del film di Alfred Hitchcock, "Psycho", David Byrne scrive un brano in cui si immedesima nel ruo
I'm Easy - Keith Carradine dedica una canzone "a una persona speciale" nel film "Nashville"
Giugno 1975: nei cinema americani esce "Nashville", nuovo film di Robert Altman, e in una delle scene più famose del film...
Spinning Wheel - "Una ruota che gira" per Clayton-Thomas e i Blood, Sweat & Tears
"La vita è una ruota che gira" - dice Clayton-Thomas - "tanto che nel giro di pochi anni saremmo passati dalle idee di rivoluzione alla presidenza Reagan"
Louisiana 1927 - Corsi e ricorsi storici nel brano di Randy Newman
Randy Newman e la storia del suo brano ispirato all'alluvione che ha colpito la Louisiana nel 1927
Dear Mr. Fantasy - Nasce il mito dei Traffic
Aprile 1967: quattro ragazzi di Birmingham si ritirano in uno sperduto cottage del 1800 nella campagna del Berkshire...
You Don't Know How It Feels - Tom Petty e la censura
"You Don't Know How It Feels" è un brano di Tom Petty dal sapore autobiografico nel quale l’artista reclama candidamente una sua indipendenza personale e professionale.
Big Yellow Taxi - Uno dei primi pezzi ecologisti della storia porta la firma di Joni Mitchell
Honolulu, Hawaii, estate del 1969: Joni Mitchell, in visita al Giardino Botanico, ha l'idea per uno dei primi pezzi ecologisti della storia
Soul Kitchen - "La cucina dell'anima" per Jim Morrison e i Doors
Un tributo a un posto dove, parola di Morrison, “avrebbe voluto passare la notte nella loro cucina dell’anima” (anche se il messaggio del brano è un altro)...

Pagine