Highway 61 Revisited - La svolta elettrica di Bob Dylan: da "profeta del folk" a "Picasso del rock"

30 agosto 1965: esce "Highway 61 Revisited", il disco della svolta elettrica di Bob Dylan, ma anche quello della sua dichiarazione d’amore per le radici nere di quella musica
Venerdì, 15 Gennaio, 2021
 
 

 
30 agosto 1965: esce Highway 61 Revisited, sesto album in studio di Bob Dylan.
È il disco della sua svolta elettrica, ma anche quello della sua dichiarazione d’amore per le radici nere di quella musica. Il titolo non è scelto a caso. La Highway 61 è chiamata “The Great River Road” perché, nei 2.264 chilometri di percorrenza da New Orleans sino alla linea di confine tra Minnesota e Canada, segue il corso del fiume Mississippi.
Negli anni '30 e '40, su questa strada sono transitati moltissimi musicisti afroamericani destinati a traghettare la “musica del diavolo” nelle metropoli del nord come Kansas City, Detroit o Chicago là dove nascerà il blues elettrico. Già, perché nel suo tratto più suggestivo e interessante (quello che va da Natchez, Mississippi, sino a Memphis, Tennessee) la Highway 61 attraversa la zona del Delta, quella cioè che viene giustamente considerata “la culla del country blues”. Per questo la strada è anche famosa con il nomignolo di “The Blues Highway”.
“La Highway 61 iniziava esattamente dove vivevo io: a Duluth, Minnesota”, ricorda Bob Dylan. “Ho sempre pensato che avessimo tanto in comune: l’ho percorsa mille volte e ho sognato di seguirla sin laggiù, nel cuore del Delta. È sempre stata la stessa strada, piena delle stesse contraddizioni, con le stesse minuscole cittadine... È parte del mio dna”.
Per questo, contro il parere di manager e discografici, Bob Dylan ha insistito per intitolare "Highway 61 Revisited", nome anche di un brano di quell’album, che trasforma il “profeta del folk” nel “Picasso del rock”.
 

Jam Balaya

La Grange - La storia di uno dei brani più trascinanti degli ZZ Top
Un famoso bordello in una piccola cittadina del Texas, John Lee Hooker... e gli ZZ Top: "La Grange"
At The Hop - Danny & The Juniors dedicano una canzone alle feste danzanti nei licei americani
Nel 1957, due autori/produttori di Filadelfia scrivono una canzone ispirata ai diversi, fantasiosi tipi di ballo che i giovani di quegli anni si inventavano per scatenarsi su brani di rock ‘n’ roll...
The Pusher - Non solo "Born To Be Wild" per gli Steppenwolf nella colonna sonora di "Easy Rider"
John Kay degli Steppenwolf, è a Los Angeles a un concerto di Hoyt Axtorn, cantautore dell'Oklahoma...
The Battle Of New Orleans - Jimmie Driftwood, la Nitty Gritty Dirt Band... e la storia americana
Jimmie Driftwood è un appassionato docente di storia e, per cercare di trasmettere il suo stesso amore e interesse ai suoi studenti, ha scritto decine di canzoni sugli episodi importanti della storia
Mr. Bojangles - Jerry Jeff Walker e il suo grande successo nato in una prigione di New Orleans
Siamo nel 1965 quando due uomini si mettono a chiacchierare in una prigione di New Orleans e...
My God - Un brano importante all'interno di "Aqualung" per i Jethro Tull
Il pezzo era così importante che Ian Anderson avrebbe voluto intitolare l’album "My God".
Baba O'Riley - Pete Townshend dedica un brano ai suoi due eroi artistico/spirituali
Pete Townshend, chitarrista, autore e cuore degli Who, si era accorto di come il pubblico percepisse umori, emozioni e vibrazioni della sua musica.
So Far Away - Uno dei singoli più fortunati di "Tapestry" di Carole King
Il 10 febbraio 1971 Carole King pubblica "Tapestry", un album di successo al cui interno c'è anche "So Far Away", una canzone d’amore in cui King lamenta di essere lontana dal
Purple Haze - Jimi Hendrix alle prese con la "musica del diavolo"
La sera di Santo Stefano del 1966, nel camerino di un locale di Londra, Jimi Hendrix inizia a suonare la chitarra prima di salire sul palco. È lì che nasce "Purple Haze"
Strange Fruit - Billie Holiday canta la prima canzone esplicita contro il razzismo
"Cantare in modo così esplicito del razzismo potrebbe essere dannoso per la tua carriera" le dice il suo produttore John Hammond...
See You Later, Alligator - Bill Haley al successo con un brano rock 'n' roll nato da un modo di dire
Siamo nell'estate del 1955 quando una sera a New Orleans Bobby Charles, dopo aver suonato in un locale del "cajun country" con la sua band Cardinals, aveva salutato il pianista con la &
Fuck Tha Police - N.W.A contro la polizia (molto prima che nascesse il movimento Black Lives Matter)
È il 1988 quando il combo losangelino dei Niggaz Wit Attitudes (N.W.A) pubblica "Fuck Tha Police" (fanculo alla polizia), brano di protesta per cui entrano nella lista nera dell'FBI, an

Pagine