Dear Mr. Fantasy - Nasce il mito dei Traffic

Aprile 1967: quattro ragazzi di Birmingham si ritirano in uno sperduto cottage del 1800 nella campagna del Berkshire... e, in seguito a un risveglio da un viaggio psichedelico di uno dei quattro nasce uno dei pezzi più sensazionali della storia del rock...
Giovedì, 6 Maggio, 2021
 
Aprile del 1967
Mentre a San Francisco sta sbocciando l’Estate dell’Amore, quattro ragazzi di Birmingham si ritirano in uno sperduto cottage del 1800 nella campagna del Berkshire. Si chiama Sheepcote Farm ed è di proprietà di sir William Piggot-Brown, fantino e allevatore di cavalli, personaggio di spicco della Swinging London e amico di Chris Blackwell, il boss della Island Records. È stato proprio Blackwell, che ha appena firmato un contratto con quei ragazzi – primo gruppo “bianco” nel roster della Island - a mandarli lì. Devono scrivere i pezzi del loro album di debutto.
Nelle atmosfere fosche, cupe e (secondo loro) misteriose e maledette di quel luogo nascono i brani ma anche il nome del gruppo, Traffic. Perché loro sono Dave Mason, Jim Capaldi, Chris Wood e l’enfant prodige della scena rock blues inglese, il fenomenale Stevie Winwood.
Tra pillole di allucinogeni, hashish e altre sostanze, i ragazzi vivono da veri bohémien un periodo irripetibile della loro vita.
Un mattino, risvegliatosi da un viaggio psichedelico, Jim Capaldi (davanti al focolare) ha una visione: una marionetta suona di fronte a lui. La chiama “Mr. Fantasy” e le chiede di “suonare una canzone per renderci felici”. Sulla musica (misteriosa, eterea e piena di “foschie” esattamente come le atmosfere della campagna inglese) prende vita uno dei pezzi più sensazionali della storia del rock. E insieme a Dear Mr. Fantasy nasce il mito dei Traffic...
 
 

 

Jam Balaya

What's Up - Un grande successo per le 4 Non Blondes
Nel ritornello si ripete la frase "What’s Going On?", ma, essendo anche il titolo di un famoso brano di Marvin Gaye, la canzone si intitolerà "What’s Up" e sarà il singolo dell’alb
Don't Know Why - La storia del primo singolo di Norah Jones
"Don't Know Why" è un brano scritto originariamente da Jesse Harris per la sua band, The Ferdinandos... il successo arriva però solo grazie all'interpretazione di Norah Jones
Jammin' - Quando Bob Marley provò a far dialogare due leader politici giamaicani con la sua musica
Due leader politici giamaicani si stringono la mano sul palco durante una famosa maratona reggae, spinti a farlo da Bob Marley mentre esegue "Jammin'"...
Do You Believe In Magic - Il sogno si avvera anche per i Lovin' Spoonful
È la primavera del 1965 quando nascono i Lovin' Spoonful, un gruppo che sognava di ricalcare le orme dei Fab Four...
Psycho Killer - David Byrne "si immedesima in un criminale psicopatico" con i suoi Talking Heads
Impressionato dal rock horror di Alice Cooper e dal personaggio di Norman Bates, protagonista del film di Alfred Hitchcock, "Psycho", David Byrne scrive un brano in cui si immedesima nel ruo
I'm Easy - Keith Carradine dedica una canzone "a una persona speciale" nel film "Nashville"
Giugno 1975: nei cinema americani esce "Nashville", nuovo film di Robert Altman, e in una delle scene più famose del film...
Spinning Wheel - "Una ruota che gira" per Clayton-Thomas e i Blood, Sweat & Tears
"La vita è una ruota che gira" - dice Clayton-Thomas - "tanto che nel giro di pochi anni saremmo passati dalle idee di rivoluzione alla presidenza Reagan"
Louisiana 1927 - Corsi e ricorsi storici nel brano di Randy Newman
Randy Newman e la storia del suo brano ispirato all'alluvione che ha colpito la Louisiana nel 1927
Dear Mr. Fantasy - Nasce il mito dei Traffic
Aprile 1967: quattro ragazzi di Birmingham si ritirano in uno sperduto cottage del 1800 nella campagna del Berkshire...
You Don't Know How It Feels - Tom Petty e la censura
"You Don't Know How It Feels" è un brano di Tom Petty dal sapore autobiografico nel quale l’artista reclama candidamente una sua indipendenza personale e professionale.
Big Yellow Taxi - Uno dei primi pezzi ecologisti della storia porta la firma di Joni Mitchell
Honolulu, Hawaii, estate del 1969: Joni Mitchell, in visita al Giardino Botanico, ha l'idea per uno dei primi pezzi ecologisti della storia
Soul Kitchen - "La cucina dell'anima" per Jim Morrison e i Doors
Un tributo a un posto dove, parola di Morrison, “avrebbe voluto passare la notte nella loro cucina dell’anima” (anche se il messaggio del brano è un altro)...

Pagine