Recensione

Nick Cave & The Bad Seeds

Image: 
Cerca sempre e solo il pubblico per compiere il suo rito. E il pubblico si lascia guidare dalla sua voce e dal suo modo di interagire istintivo e delicato.
L’inizio è sommesso grazie a tre brani di Skeleton Tree, ultimo album di inediti del 2016, e quindi si parte con Anthrocene, Jesus Alone e Magneto.

Matt Andersen

Image: 
(Foto: John Fearnall/Good Noise Photography)
 
Un bluesman che non beve whisky, ma solo acqua, alla fine di ogni brano. Matt Andersen, è per la prima volta su un palco italiano. Il palco è quello della Salumeria della Musica, e Matt sembra essere a suo agio, confidenziale come se si trattasse di una session nel soggiorno di casa sua.
 

Bobo Rondelli

Image: 
Un “artigiano”, come si è definito più volte, anche quando descrive certe persone sempre in compagnia virtuale, ma di fatto sempre più sole e isolate dalla realtà: il concetto è espresso in Soli, prima traccia e anche primo singolo del lavoro. «Fingersi felice con cento ‘mi piace’ e tutti questi amici mai visti né sentiti» dice Bobo Rondelli in questo primo brano del suo nuovo album Anime storte.
 

Sigur Rós

Image: 
«Il tempo è relativo, il suo unico valore è dato da ciò che noi facciamo mentre sta passando» diceva Einstein.
E il tempo, quando suonano i Sigur Rós, sembra essere eterno, dilatato come quello dei sogni.
Un sogno che ieri, 17 ottobre, il gruppo ha fatto vivere a tutto il Forum di Assago, per un'unica data italiana.
Quando il trio islandese sale sul palco, sugli schermi le video proiezioni sembrano quadri di Turner, atmosfere impetuose, come le sonorità che di lì a poco permeeranno il pubblico.
 

Massimo Priviero

Image: 
Presentato da un fortunatissimo concerto all’Alcatraz di Milano, il nuovo album di Massimo Priviero, All’Italia è un viaggio attraverso le mille migrazioni che ha dovuto affrontare tanta povera gente dall’inizio del secolo scorso a oggi. Non è solo un ritratto storico reso attraverso piccole grandi storie, ma anche un’evidente denuncia all’opulenza delle società progredite che lasciano sempre alle spalle dei loro profitti miseria e disoccupazione.
 

Pagine

Subscribe to Recensione