Tu sei qui

Santana

Arena di Verona
20 luglio 2015
Il chitarrista si regala una grande festa per il suo 68esimo compleanno in un luogo magico
di Leonardo Follieri
21 Luglio 2015
Un compleanno particolare per il mitico Carlos Santana nella città di Romeo e Giulietta. Ieri sera infatti il chitarrista ha sfoggiato il suo sound unico all'interno della splendida cornice dell'Arena di Verona. Sono trascorsi circa 46 anni dalla consacrazione al Festival di Woodstock e il più che talentuoso ragazzo dell'epoca ha lasciato ormai da tempo il posto a un uomo esperto. Se di anni infatti nel 1969 ne aveva appena 22, ieri Carlos ha spento 68 candeline dinanzi a 14mila persone e ha festeggiato il traguardo nel migliore dei modi, come solo lui sa fare, regalando al pubblico la sua consueta miscela esplosiva a base di rock, blues, ritmi latini e non solo.
Prima che inizi il concerto, i presenti sembrano suddivisi in due categorie: il primo gruppo attende i pezzi più recenti, quelli di Supernatural per intenderci, e infatti non tarderà a scatenarsi sulle note di Maria Maria, Corazón Espinado o Smooth; il secondo nucleo è invece quello più nostalgico e che mostrerà di essere legato maggiormente ad Abraxas e ai brani più celebri di quel disco memorabile come Samba Pa Ti, Black Magic Woman / Gipsy Queen o Oye Como Va. Ma ovviamente si tratta di due mondi solo apparentemente distanti.
 
Si parte con un video in cui vengono proposte le immagini del già citato Festival di Woodstock e dopo pochi attimi è già tempo di farsi ipnotizzare dalle note di Soul Sacrifice. La prima sorpresa è l'accenno di 'O Sole Mio da parte del maestro Carlos prima di Saideira. E poi più tardi, alla fine di Corazón Espinado, di sorprese ne riceverà alcune direttamente lui: nell'ordine infatti viene proiettato prima il videomessaggio di auguri di buon compleanno da parte della giovane moglie (la batterista Cindy Blackman) e poi sul palco arrivano fiori e torta; anche l'Arena intona un "Tanti auguri a te", Santana ringrazia e a quel punto la festa riprende con Jin-go-lo-ba. La band è contagiosa con il suo ritmo e supporta straordinariamente il chitarrista che primeggia con il suo tocco inconfondibile. Tra i momenti più divertenti c'è senza dubbio quello di Tequila (e non solo, perché con un artista del genere ci può finire di tutto in mezzo a un brano, come per esempio Norvegian Wood dei Beatles).
 
Il chitarrista ha poi dialogato come al solito con il pubblico sulle note di A Love Supreme, suo omaggio a John Coltrane: il messaggio semplice da far ripetere all'Arena è prima in inglese e poi in spagnolo, "Light And Love" e "Luz Y Amor". "Luce E Amore"... una preghiera che, recitata il giorno del proprio 68esimo compleanno nella città di Romeo e Giulietta, fa senza dubbio un altro effetto per Santana e per le "due categorie di presenti" ormai unificate (ammesso che ce ne fosse bisogno) dalla sua musica.
 
Stasera si replica a Pistoia nell'ambito della 36esima edizione del Pistoia Blues... si preannuncia un'altra serata di festa, nonché di "Luce E Amore"...
 
Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti anche:
20 luglio 1947 - Buon compleanno, Carlos! (VIDEO)