Tu sei qui

Dave Matthews & Tim Reynolds

Milano, Teatro degli Arcimboldi
7 aprile 2017
Un live di Dave Matthews è sempre un’ottima esperienza da vivere e da raccontare (con o senza Band)
di Leonardo Follieri
08 Aprile 2017
Non è una versione ridimensionata di uno dei loro proverbiali live. Pur senza il resto del gruppo infatti non è così, perché i due protagonisti sul palco con le loro chitarre acustiche sono Dave Matthews e Tim Reynolds.
Ieri terza e ultima tappa italiana di questo tour europeo al Teatro degli Arcimboldi di Milano.
Circa tre ore di live per ascoltare i brani della Dave Matthews Band senza la forza del collettivo, ma con il consueto groove, il solito vigore delle canzoni, due tocchi di chitarra unici e una voce inconfondibile. Le ottime luci, poi, sottolineano al meglio la solita straordinaria performance.
 
Si parte con Seek Up e i primi applausi arrivano già dalla successiva Where Are You Going?.
Tim Reynolds è molto concentrato sul suo compito, svolto come sempre in maniera egregia e ancor più in evidenza nei due momenti da solo (Grab The Horns By The Bull e Manfood).
Dave Matthews, invece, non si limita ad eseguire i brani in scaletta e chiacchiera spesso col pubblico: prima di Don’t Drink The Water, ad esempio, si scusa in italiano per l’elezione di Donald Trump a Presidente degli Stati Uniti, definendolo semplicemente come “l’uomo che abbiamo messo alla Casa Bianca”; da apprezzare ancora una volta, come avvenuto durante le date nel nostro Paese con il gruppo al completo ad ottobre di due anni fa, il ricordo di Corsina Andriano (presidentessa della community italiana DMB Con-Fusion, autrice anche del libro dedicato al gruppo The DMBook).
Dave suona un unico brano alla tastiera, Virginia In The Rain, dedicato ai figli, e a un certo punto si diverte a raccontare com’è nato Samurai Cop, pezzo scritto guardando in tv un film con l’audio a 0, che già così non appariva di suo gradimento e che è addirittura “peggiorato” quando per un attimo aveva provato ad alzare il volume.
Su una pregevolissima Ants Marching siamo quasi ai “titoli di coda” di questa magica serata e il pubblico lascia i posti a sedere per avvicinarsi sempre di più verso il palco prima dei bis finali. E il tutto si chiude con Crash Into Me.
 
Un live di Dave Matthews è sempre un’ottima esperienza da vivere e da raccontare (con o senza Band).
 
Scaletta concerto:
 
Seek Up
Where Are You Going?
Fool To Think
Don't Drink the Water
When The World Ends
Grey Street
The Space Between
Minarets
Crush
Grab The Horns By The Bull (Tim solo)
Virginia In The Rain
The Maker
#41
Corn Bread
Mercy
You & Me
Two Step
Manfood (Tim solo)
Sister
Samurai Cop
Warehouse
Ants Marching
 
 
Rapunzel
Dancing Nancies
 
 
Crash Into Me