Tu sei qui

The Cure

Assago (Milano), Mediolanum Forum
2 novembre 2016
Robert Smith e soci chiudono in bellezza la parte italiana del loro tour
di Francesco Taranto
03 Novembre 2016
Abbiamo assistito all’ultima delle quattro tappe italiane per il 2016 dei Cure, in un Mediolanum Forum di Assago sold out per la seconda data consecutiva, dopo gli appuntamenti di Bologna e Roma. La band, in splendida forma, si presenta con il look che l'ha contraddistinta negli ultimi 35 anni e in particolare con Robert Smith in prima linea.
Ventisette brani e oltre due ore di concerto: un set leggermente accorciato rispetto alle precedenti date italiane, ma di straordinaria intensità e impatto.
 
Per questo secondo concerto a Milano la band attinge tanto da The Head on the Door, l'album del 1985 che segnò la svolta dal dark a sonorità più leggere, con ben cinque brani che spaziano dalle atmosfere orientaleggianti di Kyoto Song al riff trascinante di Push e l’inquietante The Baby Screams.
I maxischermi posti dietro al palco sottolineano efficacemente le differenti atmosfere dei pezzi che via via si alternano e in particolare appare suggestiva la ragnatela sullo sfondo della storica Lullaby. Tanti gli immancabili successi che hanno reso grande la carriera dei Cure (Boys Don’t Cry, Pictures Of You, In Between Days, Just Like Heaven), sapientemente alternati a brani meno noti e più introspettivi, dilatati nel minutaggio e nello spazio concesso alla maestria strumentale della band. È il caso di Out of This World che apre il concerto e di From the Edge of the Deep Green Sea e Bloodflowers che chiudono il set prima dei generosi bis.
 
Per i saluti finali i Cure regalano ai fan sia un nuovo brano (Step Into The Light), senz’altro interessante, e chicche quali Burn (dalla colonna sonora de "Il corvo") e pezzi degli esordi dark dei primissimi anni ‘80 (Play For Today, A Forest, Three Imaginary Boys).
Il finale è davvero col botto: il jazz-pop di Lovecats infiamma il pubblico, ma il trio di formidabili hit Friday I’m In LoveClose To MeWhy Can’t I Be You? chiudono la serata lasciando i fan soddisfatti e sicuramente già in attesa del ritorno in Italia di Robert Smith e soci.