Tu sei qui

Chris Robinson Brotherhood

Milano, Fabrique
7 marzo 2016
Rock blues psichedelico travolgente per la band capitanata dall'ex frontman dei Black Crowes
di Leonardo Follieri
08 Marzo 2016
Puntuali sul palco alle 20.30.
Non un'entrata sensazionale. Sembra più l'arrivo ad un appuntamento con alcuni amici, o, si dovrebbe dire, con alcuni fratelli, visto che di "fratellanza" si tratta, stando al nome scelto da Chris Robinson per la sua Chris Robinson Brotherhood.
Il progetto è divenuto sempre più importante, anche perché i Black Crowes, il più celebre gruppo portato avanti per anni con suo fratello Rich, non esistono più.
 
Giusto il tempo per ognuno di controllare personalmente l'accordatura degli strumenti e si parte.
Chris Robinson con la sua chitarra e la sua voce (quest'ultima davvero sempre impeccabile dal punto di vista della tenuta e dell'energia) e il chitarrista Neal Casal "comandano" i brani, mentre il tastierista Adam MacDougall riesce quasi sempre a entrare con stile e spesso anche con prepotenza in ognuno di essi, offrendo suggestivi assoli e psichedeliche divagazioni. Completano la formazione Mark Dutton e George Sluppick rispettivamente al basso e alla batteria.
 
Si parte da Taking Care Of Business. Vanno segnalati poi il sentito e doveroso omaggio ai Grateful Dead con They Love Each Other e il piccolo "momento Black Crowes" con la versione maggiormente funky di I Ain't Hiding verso fine concerto. Il bis invece è addirittura Down In The Flood di Bob Dylan & The Band.
 
Palco di fatto scarno: si notano solo il brucia incenso acceso a forma di gufo e alcune bandiere posizionate in alto vicino alle luci, tra cui soprattutto quella con l'orso californiano e la foglia di marijuana.
Chris Robinson si limita solo a ringraziare di tanto in tanto e ad annunciare la pausa programmata di venti minuti, perché fa la differenza con la sua chitarra ritmica (più di quanto faceva ai tempi dei Black Crowes) e soprattutto con la sua voce.
È tutta una questione di "fratellanza" e bastano poco più di due ore di rock blues psichedelico offerto dalla Chris Robinson Brotherhood per capirlo.
Freak power.