Tu sei qui

Paul Weller

A Kind Revolution
Parlophone
Il nuovo periodo d'oro per Weller prosegue con questo disco, tra funk, soul, R&B e un ritrovato spirito sociale
di Francesco Taranto
16 Maggio 2017
Il nuovo periodo d’oro nella carriera di Paul Weller prosegue; dopo un calo tra la fine degli anni '90 e i primi 2000, ha sfornato quattro album di altissimo livello da 22 Dreams del 2008 a Saturns Pattern del 2015. Appena terminato quest’ultimo sono nati alcuni dei brani inclusi nel nuovo disco A Kind Revolution, che trova nuovamente un Weller in grande forma.
 
Le dieci tracce che compongono l’album arrivano in un anno piuttosto ricco, tra un tour nel Regno Unito in cui ha partecipato anche Robert Wyatt, la collaborazione nel disco del collettivo soul Stone Foundation, la colonna sonora del film Jawbone e persino un’apparizione al Concert for Corbyn l’anno scorso. Proprio quest’ultima aveva lasciato intendere una nuova svolta politica per Weller, dopo la famosa affiliazione al Red Wedge degli anni '80, che si riflette anche in alcuni testi del nuovo disco, più legati a temi sociali rispetto ai precedenti.
Musicalmente l’album resta fedele al soul di Saturns Pattern, senza l’elettronica sperimentale degli Amorphous Androginous, ma piuttosto Weller e il produttore Jan Stan Kybert aggiungono al mix la giusta dose di funk, disco e R&B. Woo Sé Mama apre il disco sulle note di un funky aggressivo, con la partecipazione di PP Arnold e Madeleine Bell ai cori, così come il rock tornerà più avanti nella jam di Satellite Kid.
Nova sembra unire sperimentazioni in stile Brian Eno, riff di sintetizzatori tra il Bowie di Berlino e di Scary Monsters e un glam rock dominato dal sax. Long Long Road porta l’album su atmosfere più meditative e sinfoniche e Weller riesce nell’impresa di far tornare sulle scene Robert Wyatt (voce e tromba) nella successiva She Moves With The Fayre.
L’inno soul / R&B di The Cranes Are Back è uno dei punti migliori del disco, con riferimenti alla “rivoluzione gentile” del titolo, una speranza per un futuro di pace e collaborazione internazionale. La magnifica New York riporta a influenze Philly soul, una reminiscenza del passato negli Style Council. I sei minuti di groove quasi house di One Tear accentuano i riferimenti agli anni '80 con la partecipazione di Boy George.
 
La conclusiva The Impossible Idea è una gemma che, su un andamento quasi da valzer, riflette sui 40 anni esatti di carriera di Weller. Se nel 1977 coi The Jam cantava della “young idea” credendo che la musica potesse cambiare il mondo, ora lo ritiene un sogno impossibile e sa che le canzoni possono “cambiare soltanto noi stessi”. Se, come ha dichiarato, ha già pronto un nuovo album per il 2018, le canzoni (e le grandi idee) di certo non gli mancano.