Tu sei qui

Yoko Ono: Yes, I'm A Witch Too

Il meglio della produzione musicale di Yoko Ono in un disco ricco di collaborazioni speciali
24 Febbraio 2016
Dopo il grande successo di Yes, I'm A Witch del 2007, Yoko Ono torna sulle scene con un album quasi omonimo, Yes, I'm A Witch Too, uscito il 19 febbraio per Manimal Records, un giorno prima del suo compleanno.

Il disco contiene 17 tracce che rappresentano il meglio della produzione musicale di una delle artiste più discusse di sempre, pezzi riportati a nuova vita grazie alle collaborazioni speciali dei paladini dell’indie-rock Death Cab For Cutie, Peter, Bjorn and John, degli intellettuali del glam Sparks, tUnE-yArDs, MiikeSnow, Moby, di Cibo Matto, Portugal The Man e molti altri.

Che la si ami o la si odi, Yoko Ono è considerata l'icona avant-pop per eccellenza, ha attraversato diverse epoche passando dalle trans-avanguardie giapponesi alla scoppiettante downtown New York dei primissimi ’70. Non c’è stata stagione che non l’abbia vista protagonista. Anche durante l’estasi dell’effimero movimento mutant disco, si ricavò un ruolo importante, realizzando una delle più sconvolgenti hit underground del periodo con Walking On Thin Ice.

Ed è proprio con Walking On Thin Ice che si apre questo nuovo lavoro, rivisitata dal celebre dj house Danny Tenaglia. Inoltre il lavoro del produttore esecutivo Rob Stevens è stato prezioso ed ha consentito alla Ono di confrontarsi ad armi pari con talenti di diverse generazioni, capaci di ridare lustro ad alcune delle sue più strabordanti visioni.