Little Steven all'Hard Rock Cafe di Firenze - Intervista

Abbiamo incontrato il leggendario amico e chitarrista di Bruce Springsteen. Abbiamo parlato con lui del suo show radiofonico, della reunion e dell'album con i suoi Disciples Of Soul, del suo ruolo ne "I Soprano" e di tanto altro ancora. Ma cosa vuole fare da grande Little Steven?
di Ezio Guaitamacchi
Sabato, 8 Luglio, 2017
 
Lo scorso 3 luglio il leggendario amico e chitarrista di Bruce Springsteen era all'Hard Rock Cafe di Firenze per dar vita anche nel nostro Paese al famoso show radiofonico che conduce dal 2002, Little Steven's Underground Garage.
 
Nella nostra intervista ci ha parlato proprio del suo legame con gli Hard Rock Cafe e poi della reunion con i suoi Disciples Of Soul, con i quali ha pubblicato da poco il nuovo album Soulfire e con cui attualmente sta facendo il suo primo tour europeo da solista dopo tanti tanti anni. Il 4 luglio, peraltro, è stato uno dei protagonisti della 38esima edizione del Pistoia Blues, proprio insieme al suo gruppo.
 
Non potevamo non parlare con lui anche del Jersey Sound. Il nome di Little Steven, infatti, non è associato soltanto al suono del New Jersey. Lui è stato uno degli inventori del Jersey sound, straordinaria e unica miscela di rock, blues e rhythm & blues.
 
E poi il primo incontro con Bruce Springsteen nel 1966, il suo ruolo (ormai cambiato) nella E Street Band e poi la strana nuova avventura di circa vent'anni fa come attore della serie tv I Soprano.
 
Ma cosa vuole fare da grande Little Steven?
 

Jam Balaya

Indigo Girls e... Galileo Galilei
L'esistenzialismo e il genio di Galileo Galilei cantato dalle Indigo Girls nella loro "Galileo"
Carey
Joni Mitchell e il suo viaggio a Creta
Somebody To Love
L'inno dell'Estate dell'Amore
Come Together
John Lennon di nuovo negli studi di Abbey Road per dare vita ad uno dei brani più famosi dei Beatles
Gimme Shelter - La ricerca di un rifugio (in tutti i sensi) per i Rolling Stones
Inverno del 1968: a Londra si sta scatenando un’autentica bufera...
Losing My Religion, la canzone che decretò il successo internazionale dei R.E.M.
Settembre 1990: ai Bearsville Studios di Woodstock, Peter Buck sta provando e riprovando quel riff sul mandolino attorno al quale, qualche settimana prima, aveva composto un brano
Stones In The Road
Quando Joan Baez decise di interpretare un brano di una giovane cantautrice
Prince e il segno dei tempi
Primavera del 1986: Prince decide che è giunto il momento di denunciare il lato oscuro della società americana e di combatterlo proponendo invece una visione diversa
Both Sides Now - La canzone di Joni Mitchell "nata tra le nuvole"
"Ho posato il libro, guardato dal finestrino e ho visto le nuvole. Poco dopo, mi sono messa a scrivere il testo di una canzone..." (Joni Mitchell)
Mississippi - Il regalo di Bob Dylan a Sheryl Crow
Quel giorno in più di Bob Dylan nel Mississippi... che fa nascere una canzone poi regalata a Sheryl Crow
Hold On, I'm Comin'
Quando le belle canzoni nascono in "circostanze particolari"
My Back Pages - Bob Dylan e quella celebre svolta nella sua carriera
Dicembre del 1963: il ventiduenne Bob Dylan viene insignito del Tom Payne Award, un riconoscimento dato a personalità che si sono distinte per senso libertario e impegno nella società civile, ma...

Pagine