Little Steven all'Hard Rock Cafe di Firenze - Intervista

Abbiamo incontrato il leggendario amico e chitarrista di Bruce Springsteen. Abbiamo parlato con lui del suo show radiofonico, della reunion e dell'album con i suoi Disciples Of Soul, del suo ruolo ne "I Soprano" e di tanto altro ancora. Ma cosa vuole fare da grande Little Steven?
di Ezio Guaitamacchi
Sabato, 8 Luglio, 2017
 
Lo scorso 3 luglio il leggendario amico e chitarrista di Bruce Springsteen era all'Hard Rock Cafe di Firenze per dar vita anche nel nostro Paese al famoso show radiofonico che conduce dal 2002, Little Steven's Underground Garage.
 
Nella nostra intervista ci ha parlato proprio del suo legame con gli Hard Rock Cafe e poi della reunion con i suoi Disciples Of Soul, con i quali ha pubblicato da poco il nuovo album Soulfire e con cui attualmente sta facendo il suo primo tour europeo da solista dopo tanti tanti anni. Il 4 luglio, peraltro, è stato uno dei protagonisti della 38esima edizione del Pistoia Blues, proprio insieme al suo gruppo.
 
Non potevamo non parlare con lui anche del Jersey Sound. Il nome di Little Steven, infatti, non è associato soltanto al suono del New Jersey. Lui è stato uno degli inventori del Jersey sound, straordinaria e unica miscela di rock, blues e rhythm & blues.
 
E poi il primo incontro con Bruce Springsteen nel 1966, il suo ruolo (ormai cambiato) nella E Street Band e poi la strana nuova avventura di circa vent'anni fa come attore della serie tv I Soprano.
 
Ma cosa vuole fare da grande Little Steven?
 

Jam Balaya

John Barleycorn (Must Die) - I Traffic di Steve Winwood e la loro versione di un'antica folk ballad
È una delle più antiche folk ballad della tradizione britannica. Qualcuno la fa risalire addirittura al 1500 anche se il poeta scozzese Robert Burns ne pubblicò una sua versione a fine 1700...
Born On The Bayou - Il mito dei Creedence Clearwater Revival non ha bisogno del palco di Woodstock
Agosto del 1969. Sul palco di Woodstock sta per salire la band di El Cerrito, California, che ha stupito il mondo...
Willin' - Lowell George: dai Mothers of Invention di Frank Zappa alla nascita dei suoi Little Feat
"Willin'" è il brano scritto da Lowell George che colpisce Frank Zappa, a tal punto da suggerire al chitarrista e cantante dei suoi Mothers Of Invention di fondare un gruppo tutto suo:
You Oughta Know - La "dedica" di Alanis Morissette a un suo ex fidanzato
1995: Alanis Morissette ha solo 21 anni ma ha le idee chiarissime, anche in tema di relazioni sentimentali...
Paradise City - Riff di Slash e testo (in versione edulcorata) di Axl per i Guns N' Roses
Sul retro di un van mezzo scassato, dopo un concerto a San Francisco, il chitarrista dei Guns N' Roses Slash strimpella su una sei corde acustica il riff che apre un pezzo destinato a diventare u
Give It Away - La storia del famoso brano dei Red Hot Chili Peppers
1991: Flea e John Frusciante si divertono a jammare e, dopo aver fatto sentire quel riff a Anthony Kiedis...
Blind Willie McTell - Bob Dylan rende omaggio ad uno dei suoi idoli di gioventù
Primavera del 1983: Bob Dylan è al lavoro sul suo nuovo album, "Infidels".
Love Is A Rose - Linda Ronstadt canta una canzone d'amore scritta da Neil Young
Dopo la fine del matrimonio con l'attrice Carrie Snodgress, Neil Young scrive "Love Is A Rose", canzone d'amore che registra qualche anno dopo, ma che decide di non pubblicare...
Creque Alley - The Mamas & The Papas e il sogno che si è avverato
Nel 1967 The Mamas & The Papas compongono "Creque Alley", un pezzo autobiografico che si conclude con la significativa battuta "and California dreamin' is becoming a reality&qu
Eve Of Destruction - La denuncia di Phil Sloan in un brano portato al successo da Barry McGuire
Nella primavera del 1964 Phil Sloan sta scrivendo un nuovo brano politicamente impegnato, "Eve Of Destruction" ("La vigilia della distruzione"), che diventerà famoso nella versione
Sexual Healing - Una "cura sessuale" per Marvin Gaye
Inverno del 1981: Marvin Gaye si è ritirato in Belgio e lì scrive "Sexual Healing", brano il cui titolo sarebbe stato ispirato da David Ritz, giornalista di Rolling Stone
Say It Loud - I'm Black and I'm Proud - L'inno di James Brown per tutti i neri d'America
È l'agosto del 1968 quando James Brown scrive insieme al suo band leader Pee Wee Ellis un brano che diventa un inno per tutti i neri d’America: "Say It Loud - I'm Black and I'm Pro

Pagine